I decisori si mostrano preoccupati

Due monete in franchi svizzeri.

(08.01.2020) I direttori finanziari (CFO) svizzeri sono preoccupati per il 2020. È uno dei risultati dello studio CFO Survey, realizzato dallo studio di consulenza Deloitte. Infatti, solo l‘8% delle persone interpellate si dice fiducioso per quanto concerne le prospettive economiche.

Per la prima volta dal 2015, la questione dei tassi di cambio occupa il primo poso delle preoccupazioni nell’inchiesta. Il 67% delle persone interrogate afferma che l’incertezza sia elevata in questo ambito. Il rincaro del franco svizzero comporta dei dubbi sulle prospettive delle imprese esportatrici.

Tra le preoccupazioni principali l’inchiesta segnala anche il calo della domanda, i rischi geopolitici, la carenza di manodopera qualificata, i problemi interni e la questione delle barriere commerciali. La pressione sui prezzi cala invece di sette posizioni e si ritrova in fondo alla classifica.

Da notare che quasi il 50% die CFO resta ottimista rispetto al successo del proprio datore di lavoro. Cifra in contrasto con la loro analisi della situazione generale. Interrogati sulla loro visione della situazione internazionale, essi si sono mostrati pessimisti in merito ai principali partner commerciali della Svizzera. Tutti condividono dei timori rispetto all’evoluzione dell’economia dell’Unione europea e della Gran Bretagna, in particolare a causa della Brexit.

Su scala internazionale, sono i CFO britannici a mostrarsi più pessimisti riguardo al futuro. Al contrario, i decisori spagnoli mostrano più fiducia per il prossimo anno, e questo malgrado una tendenza europea in ribasso per le previsioni di vendita.


Informazione

Ultima modifica 08.01.2020

Inizio pagina

Notizie e informazioni per imprenditori e futuri imprenditori
https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/aktuell/news/2020/finanzchefs-sind-besorgt.html