Le PMI svizzere sono fiduciose

In una sala riunioni, un gruppo di sette persone unisce le mani in segno di successo.

(07.03.2018) Un’ondata di ottimismo ha coinvolto le piccole e medie imprese elvetiche: il 92% di esse reputa che il clima degli affari sia favorevole, secondo l’ultimo barometro dello studio di consulenza EY. Bisogna risalire al 2014 per ritrovare pareri altrettanto positivi. 

Lo studio, per il quale sono state consultate 700 società, si è anche chinato sull’evoluzione delle cifre d’affari. Anche in questo caso, le PMI si mostrano generalmente fiduciose: il 46% prevede un aumento delle proprie vendite per il 2018. Il settore delle scienze della vita si aspetta la crescita maggiore. 

EY sottolinea che questo ottimismo si riflette sui progetti delle imprese. Quasi un terzo di esse prevede di investire sulla piazza economica svizzera. E un quarto di rafforzare i propri effettivi. 

Ma non è tutto rose e fiori. Le PMI di tutti i settori lamentano una crescita degli oneri amministrativi. Secondo gli autori della ricerca, una burocrazia troppo rigida dovrebbe continuare a costituire un peso importante per le PMI durante i prossimi anni. 

Sempre riguardo le sfide, le PMI svizzere considerano che la più importante sia la penuria di manodopera qualificata: il 62% evoca difficoltà d’assunzione, e una su sei definisce la situazione come "molto difficile". Ne risentono in particolare i settori della costruzione e dell’energia. Gli autori dello studio sottolineano la difficoltà incontrata dalle PMI nel ricercare talenti dall’estero, procedura ben più complessa per loro che per una grande impresa. 

Le PMI si lamentano pure della forza del franco. Questa problematica costituisce un "rischio maggiore" per il 43% di esse. Le preoccupazioni concernono la messa in sicurezza delle infrastrutture informatiche (menzionata dal 41% delle PMI) che sta peraltro diventando sempre più importante.


Informazione

Ultima modifica 07.03.2018

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/aktuell/news/2018/schweizer-kmu-sind-zuversichtlich.html