Inizio area contenuto

Inizio navigatore

Fine navigatore



Reclutamento di diplomati: le PMI assumono dei cervelli all’uscita dalle università?

Negli anni novanta numerosi diplomati si sono esiliati all'estero per trovare società che li assumessero dopo gli studi. In seguito le cose sono cambiate in Svizzera. La fuga di cervelli si è invertita. In effetti, l'economia elvetica è in ottima forma e le PMI assumono di nuovo. I giovani che possiedono un Master o un dottorato trovano ormai il loro spazio nel tessuto economico elvetico.

Settori di crescita

A seconda dei settori economici lo sviluppo assume curve diverse. Certi rami mostrano una crescita ed un'evoluzione rapide. Creano dei prodotti di nicchia molto innovatori. Sono anche alla ricerca di studenti diplomati per rafforzare i loro effettivi. Al contrario, altri settori hanno tendenza a perdere importanza a lungo termine. Tra i settori portanti la Svizzera è, ad esempio, il leader mondiale nel settore delle tecnologie mediche. In questo ramo le esportazioni si sono moltiplicate per cinque negli ultimi quindici anni e le importazioni si raddoppiano.

L'industria propone anche delle opportunità per i giovani diplomati delle alte scuole. "La Svizzera è in una fase di re-industrializzazione. I settori come la farmaceutica, la macchina utensile o ancora l'orologeria hanno bisogno di assumere dei giovani che hanno appena finito gli sudi", spiega Xavier Comtesse, direttore di Avenir Suisse.

Nei settori scientifici, la creazione di posti di lavoro proviene da una volontà politica. In effetti, i budget per la scienza e la ricerca sono aumentati di quasi il 6% all'anno. Gli ingegneri non fanno fatica a trovare un lavoro, la richiesta è addirittura superiore all'offerta. "I profili molto qualificati, Master o dottorati, sono molto ricercati nelle imprese di alta tecnologia, come le biotecnologie ed altre start-up. Abbiamo regolarmente dei contatti con le PMI alla ricerca di specialisti in settori molto specifici. Anche l'informatica recluta molti giovani agli inizi. Questi infatti possono divenire efficaci molto rapidamente in quanto freschi di studi. In una società di biotecnologie si cercano piuttosto dei dottorandi o gente con esperienza", constata Jordi Monserrat, direttore di Venture Lab.

Ciononostante, i capi delle PMI incontrano difficoltà nell'assumere diplomati delle alte scuole. "Le piccole e medie imprese subiscono una forte concorrenza da parte delle grandi imprese, così come dalle grandi ditte del mondo della finanza e di consulenza. Queste infatti propongono salari attraenti che le PMI possono difficilmente offrire", spiega Thierry Volery, professore di management e imprenditoria all'Università di San Gallo. "I diplomati hanno inoltre la scelta tra due o tre offerte di lavoro già alla fine degli studi."

Di conseguenza, le imprese contattano i loro futuri impiegati già prima della fine dei loro studi. Ad esempio, partecipano sempre più spesso a forum di assunzione organizzati dalle alte scuole (vedi riquadro). "Le PMI sono meno sistematiche delle grandi società in questa pratica. Agiscono passo dopo passo, lavorando con certi studenti su alcune problematiche. Offrono posti di stage che possono trasformarsi in impieghi fissi in seguito. All'istituto KMU di San Gallo, lavoriamo in armonia con una ventina di PMI", aggiunge Thierry Volery.

La Svizzera assume massicciamente dei profili qualificati di ingegneri, di quadri bancari, o di altri collaboratori. Per soddisfare la domanda di posti di lavoro, deve reclutare degli stranieri dei paesi limitrofi. Le statistiche lo confermano, come rivela il direttore di Avenir Suisse: "Quasi 19'000 tedeschi sono venuti a lavorare in Svizzera nel 2006. Lo stesso fenomeno si osserva nella regione del Lemano con i francesi."

FORUM EPFL

Il Forum EPFL, che ha luogo ogni autunno a Losanna, propone un'interfaccia dove gli studenti ed i datori di lavoro si incontrano. Nel 2007, 173 imprese vi hanno partecipato, contro il centinaio del 2000. Le società vengono dunque sempre più numerose per reclutare i migliori elementi poco prima della fine dei loro studi. Per due giorni circa settecento colloqui hanno luogo tra le parti interessate. In questo forum esistono diversi tipi di imprese: società internazionali, ma anche piccole strutture specializzate nel loro settore. "Gran parte è attiva nei settori IT come l'informatica o i sistemi di comunicazione. Altrimenti, tutti i settori sono rappresentati: la chimica, l'elettronica, la meccanica, i materiali, ma anche l'orologeria ed il consulting", constata Risto Doncey, presidente del Forum EPFL.

Ritorna alla rubrica 2008

Ultimo aggiornamento: 23.01.2008

Fine area contenuto


Newsletter

Quali sono i temi importanti per le PMI?
Ordina la nostra Newsletter!