Inizio area contenuto

Inizio navigatore

Fine navigatore



Newsletter 5/2008


1. Nonostante una maggiore flessibilità, la copertura sociale resta sicura in Svizzera

La Svizzera conserva un'eccellente copertura sociale, nonostante l'aumento del lavoro temporaneo, del tempo parziale e dei contratti a tempo determinato. Secondo uno studio condotto dall'Ufficio federale delle assicurazioni sociali (UFAS), i rapporti di lavoro che pongono veramente qualche problema sono complessivamente in diminuzione: i lavoratori pseudo-indipendenti sono circa 45'000, mentre il lavoro su chiamata e il telelavoro concernono rispettivamente 208'000 e 191'000 persone. I contratti di lavoro a tempo parziale ammontano a 1,3 milioni, i contratti a tempo determinato a 245'000 e i contratti temporanei a 27'000.

2. Aumenta del 2,3 % il numero delle società di nuova creazione

Nel 2008 sono state fondate oltre 15'000 nuove società: al 31 maggio l'aumento è pari al 2,3% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Secondo l'istituto Creditreform, se si considerano solo i mesi di maggio di questi due anni, i valori (+2'868 società iscritte nel 2008) sono inferiori del 3,3% rispetto a quelli del 2007. Nei primi cinque mesi del 2008 sono scomparse dal registro del commercio circa 9'000 società, ovvero il 10,8% in meno rispetto all'anno precedente. Solo per il mese di maggio le cancellazioni ammontano a 1'666 (-14%). Questo regresso significativo permette alla crescita netta di aumentare, al 31 maggio, del 25,1%, ovvero di 6'989 società.

3. Promozione in comune per i Cantoni romandi e Berna

È giunta di sorpresa la notizia che il Development Economic Western Switzerland (DEWS), il quale assicurava la promozione economica comune dei Cantoni Vaud, Vallese, Neuchâtel e Giura, sarebbe stato sostituito da un nuovo ente che comprende anche Ginevra, Friburgo e Berna. La decisione è stata presa dalla Conferenza dei direttori cantonali dell'economia pubblica della Svizzera occidentale (CDEP-SO). Il cambiamento è notevole: finora Ginevra e Friburgo, così come il Cantone di Berna, possedevano un proprio organo di promozione che faceva concorrenza al DEWS.

4. Nuovi scenari per il sistema di formazione - 200'000 studenti nelle scuole universitarie verso il 2012

L'Ufficio federale di statistica (UST) presenta i suoi nuovi scenari per l'insieme del sistema di formazione. Gli sviluppi più importanti dei prossimi anni dovrebbero essere: una ripresa della crescita del numero di allievi nel grado prescolare a partire dal 2009 (e a partire dal 2013 nel grado primario), un loro calo progressivo nel grado secondario (-10% per il secondario I e -7% per il secondario II tra il 2007 e il 2017) e un aumento notevole degli studenti nelle scuole universitarie (200'000 studenti intorno al 2012 ; +13% rispetto al 2007). Per quanto riguarda le risorse umane, è atteso sia un aumento sensibile dei pensionamenti degli insegnanti della scuola dell'obbligo (impatto in 10 anni : +10% sul totale delle partenze), che un alto numero di pensionamenti dei professori delle scuole universitarie fino al 2011 (1 pensionamento ogni 30 professori ogni anno).

5. Maggiore certezza giuridica per imprese e consumatori

L'estensione del campo d'applicazione della Convenzione di Lugano riveduta ai nuovi Stati dell'UE garantisce maggiore certezza giuridica alle imprese e ai consumatori in Svizzera per il commercio transfrontaliero in Europa. Venerdì il Consiglio federale ha avviato la consultazione per l'approvazione e la trasposizione della Convenzione di Lugano riveduta.

6. Assicurazione svizzera contro i rischi delle esportazioni (ASRE): ottimo primo anno d'esercizio

Il 30 maggio 2008 il Consiglio federale ha approvato il rapporto di gestione 2007 dell'Assicurazione svizzera contro i rischi delle esportazioni (ASRE). L'organizzazione, che ha succeduto alla Garanzia dei rischi delle esportazioni (GRE), ha registrato un primo anno d'esercizio proficuo, chiudendo con un'eccedenza di proventi pari a 127 milioni di franchi.

7. Introduzione del nuovo numero AVS

L'attuale numero AVS a 11 cifre, tecnicamente superato e inadeguato alla protezione dei dati, sarà sostituito da un numero a 13 cifre impossibile da decriptare.

8. Accordo sulla libera circolazione delle persone - Firma del protocollo d'estensione alla Bulgaria e alla Romania

Martedì la consigliera federale Eveline Widmer-Schlumpf ha firmato a Bruxelles il Protocollo relativo all'estensione dell'Accordo sulla libera circolazione delle persone alla Bulgaria e alla Romania. La presidenza dell'Unione europea è stata rappresentata da Matjaž Šinkovec, segretario di stato sloveno. Entrambe le parti hanno espresso la loro soddisfazione circa l'accordo raggiunto, il quale consente un'apertura graduale e controllata del mercato del lavoro grazie a termini transitori adeguati.

9. Il Consiglio federale apre la consultazione per la revisione della legge sugli acquisti pubblici

Il Consiglio federale intende ammodernare, flessibilizzare e armonizzare il diritto federale in materia di acquisti pubblici. In data odierna ha avviato la procedura di consultazione relativa alla revisione della legge sugli acquisti pubblici, che durerà fino a metà settembre 2008.

10. La presidenza francese intende sostenere le PMI con una legge ad hoc

La Commissione nutre grandi speranze sulla negoziazione, da parte della Francia, di un accordo tra gli Stati membri concernente uno "small business act" per le piccole e medie imprese (PMI), considerato fondamentale per il rafforzamento della competitività europea. L'obiettivo principale della Francia è migliorare l'accesso alle gare di appalto pubbliche e promuovere l'aumento di investimenti nel settore R&S.
Ritorna alla rubrica Newsletter PMI 2008

Fine area contenuto


Newsletter

Quali sono i temi importanti per le PMI?
Ordina la nostra Newsletter!