Inizio area contenuto

Inizio navigatore

Fine navigatore



Gli svizzeri in testa alla classifica dei più ricchi


(02.11.2011) Gli abitanti della Svizzera sono i più ricchi del mondo. Nel giugno 2011 la loro ricchezza media per adulto, espressa in dollari, ha superato i 540'000 USD, ovvero un incremento del 27,7% rispetto al gennaio 2010, secondo lo studio annuale di Credit Suisse sulla ricchezza della popolazione mondiale. L'Australia (USD 397'000) e la Norvegia (USD 356'000) completano la triade di testa.

Il rapporto indica che la ricchezza mondiale è aumentata del 14% tra i mesi di gennaio 2010 e giugno 2011, passando da USD 203'000 miliardi a USD 231'000 miliardi. Durante questo periodo, la ricchezza media globale per adulto è progredita del 9%, da USD 46'600 a USD 51'000. I tassi di crescita più rapidi sono stati registrati in America latina, in Africa e in Asia.

Più grandi generatori di ricchezza, gli Stati Uniti hanno contribuito con USD 4'600 miliardi all'aumento totale. La regione Asia-Pacifico è la più dinamica, con 4 paesi (Cina, Giappone, Australia e India) tra i primi 6 contribuenti. Dal 2000, ha partecipato con un incremento del 36% alla crescita della ricchezza mondiale, e del 54% dal 2010.

Il rapporto mette pure in evidenza il fatto che i 29,7 milioni di adulti che possiedono più di USD 1 milione rappresentano meno dell'1% della popolazione adulta mondiale, ma essi possiedono il 38,5% della ricchezza totale. Nel 2011, l'Europa ha superato il Nord America in questo ambito, ospitando ormai il 37,2% dei milionari del mondo intero, contro il 37% di oltre Atlantico.

Nel corso dei prossimi 5 anni, Credit Suisse si aspetta che la ricchezza globale aumenti della metà e vada a raggiungere USD 345'000 miliardi nel 2016, facendo registrare una crescita annuale dell'8,4%. Gli Stati Uniti dovrebbero restare i maggiori generatori di ricchezza, mentre la Cina è chiamata a sostituire il Giappone al secondo posto della classifica. Inoltre, la ricchezza dei paesi emergenti dovrebbe superare quella degli stati sviluppati, grazie a migliori prospettive di crescita.

Ritorna alla rubrica 2011

Ultimo aggiornamento: 02.11.2011

Fine area contenuto


Newsletter

Quali sono i temi importanti per le PMI?
Ordina la nostra Newsletter!