Inizio area contenuto

Inizio navigatore

Fine navigatore



L’esperienza, chiave del successo professionale


(26.10.2011) Quasi tre quarti degli Svizzeri considera che, per fare carriera, sia più importante l'esperienza professionale che la formazione iniziale. È il 72% a pensarlo, contro il 26% di opinioni contrarie, secondo l'ultimo sondaggio "Global Workforce Index" di Kelly Services. Inoltre, il 98% degli svizzeri reputa utile seguire una formazione continua in parallelo al lavoro, al fine di approfondire le proprie competenze.

La maggior parte degli interpellati (60%) reputa che, in seguito ad un'interruzione temporanea della propria attività professionale per congedo parentale o per un viaggio, sia possibile riprendere la carriera esattamente allo stesso livello gerarchico di prima. Un quarto di questi (26%) dubita invece che questo sia possibile.

Per quanto concerne la durata dell'occupazione di un posto, Kelly Services rileva  la scomparsa delle "carriere a vita". In effetti, il 65% degli svizzeri afferma di voler cambiare settore professionale o ramo entro i prossimi cinque anni. Per giustificare questo desiderio, il 38% degli interpellati invoca interessi personali, il 23% desidera migliorare l'equilibrio tra lavoro e vita privata ed il 12% desidera innanzitutto migliorare i propri guadagni.

Tra le funzioni auspicate, il 63% degli svizzeri dichiara di aspirare ad un posto di quadro. Un quarto invece non lo desidera a causa del cospicuo carico di lavoro che questa posizione implica. Il 28% teme infatti che tale attività possa compromettere l'equilibrio tra lavoro e vita privata. Il 26% dice di mancare di ambizione ed il 16% teme lo stress causato da questo tipo di posto di lavoro.

Ritorna alla rubrica 2011

Ultimo aggiornamento: 26.10.2011

Fine area contenuto


Newsletter

Quali sono i temi importanti per le PMI?
Ordina la nostra Newsletter!