Portale PMI

Inizio selezione lingua

Inizio area contenuto

Inizio navigatore

Fine navigatore



Crescita del commercio estero svizzero


(06.10.10) Al mese di agosto le esportazioni svizzere sono decollate del 10,9% a 14,4 miliardi di CHF, mentre le importazioni mostrano un aumento del 23,6% a 13,9 miliardi di CHF. Secondo l'Amministrazione federale delle dogane (AFD), questo risultato deriva in parte da un giorno feriale in più. La bilancia commerciale ha chiuso con un eccedente di 568 milioni di CHF, ovvero una diminuzione di due terzi.

Da gennaio ad agosto 2010, le esportazioni e le importazioni si sono rafforzate allo stesso ritmo. Le uscite sono aumentate dell'8% (reale: +6,3%) a 127,4 miliardi di CHF e le entrate dell'8,4% (reale: +7,4%) a 114 miliardi di CHF. Fatta eccezione per l'industria dell'abbigliamento (-21%), tutti i rami esportatori principali hanno fatto registrare risultati in crescita, e la metallurgia e l'orologeria mostrano addirittura un aumento a due cifre.

Durante il mese di agosto 2010, all'esportazione, la metallurgia e l'orologeria si sono nuovamente distinte dagli altri gruppi con una crescita di un quarto. Per la prima volta la cifra d'affari dell'alluminio è aumentata della metà contro un terzo per il settore ferro e acciaio. Le vendite dell'industria delle macchine e dell'elettronica hanno invece fatto un balzo del 17%. Al contrario, ancora una volta l'industria dell'abbigliamento è il fanalino di coda (-18%). In agosto la metà dei settori si è mostrata più dinamica rispetto alla media dei primi otto mesi.

Con una crescita di un quinto, le esportazioni verso l'America e l'Asia si trovano in testa alla classifica. Al contrario, l'Unione europea fa registrare un leggero aumento del 6,4%. Le spedizioni verso la Russia (prodotti chimici) sono aumentate del 60% e quelle verso l'India, gli Emirati Arabi Uniti ed il Brasile del 40%.

Per quanto concerne le importazioni, tutti i gruppi hanno mostrato aumenti a due cifre. L'effervescenza dei beni di consumo è visibile principalmente per i sottogruppi della gioielleria (+760 milioni di CHF) e dei medicamenti (+571 milioni di CHF). Le autovetture fanno registrare anch'esse un aumento significativo.

Fatta eccezione per l'America del Nord (+4%), le importazioni da tutti i continenti hanno avuto un aumento a due cifre. Le importazioni in provenienza dall'Africa (petrolio dalla Nigeria) e dall'Asia sono raddoppiate in un anno. L'Oceania e l'America del Sud si sono ampliate di più della metà e l'Unione europea di quasi il 16%.

Ritorna alla rubrica 2010

Ultimo aggiornamento: 06.10.2010

Fine area contenuto


Newsletter

Quali sono i temi importanti per le PMI?
Ordina la nostra Newsletter!



Portale PMI
Contatto | Basi legali